Soglia di attenzione

TI SARESTI SAPUTO DIFENDERE
DA QUESTA OFFESA?



COSA E’ ACCADUTO

Nella maggior parte dei corsi di difesa ti insegnano una tecnica efficace per evitare il colpo o per lo meno per limitare i danni. Ma se per primi non tuteliamo noi stessi, prestando attenzione a ciò che ci circonda, come potremmo realmente difenderti nel momento del bisogno?
L’evento del video si svolge in un area pubblica di accesso alla stazione degli autobus, al ragazzo probabilmente viene chiesto di togliersi la giacca e di passare sotto al metal detector. Il suo comportamento è anomalo, tant’è che si vede chiaramente che la sua preoccupazione maggiore sono le tasche, soprattutto quella destra.
Probabilmente la guardia dall’altra parte gli chiede di togliersi la giacca e di farla passare al metal detector a quel punto il ragazzo si guarda attorno e fissa per troppi secondi la persona alla sua sinistra.
Avrà pensato che il coltello non lo poteva lasciare nella giacca e neppure in mano, quindi agisce per crearsi un diversivo colpendo la persona a lui più vicina e distratta.
Se la vittima non fosse stata assorta nei suoi pensieri, se avesse avuto un minimo di attenzione a ciò che gli stava accadendo, probabilmente l’aggressore non lo avrebbe “scelto” e avrebbe fatto una scelta diversa.

A cosa serve essere andati in palestra ad imparare come si disarma una persona quando non ci rendiamo conto di cosa ci accade attorno?

Le tecniche di difesa sono tutte delle ottime tecniche, il problema non sta nella tecnica che usi, ma come la usi e soprattutto se sei vigile e pronto per usarla.

Se frequenti corsi di difesa personale o se frequenti corsi di arti marziali ed anche se sei un maestro in queste discipline, se non presti attenzione a ciò che ti circonda, purtroppo la probabilità di diventare una vittima è altissima.

La prima tecnica di difesa personale è la consapevolezza di comprendere, capire e gestire le situazioni che ci circondano.

Frequentare corsi di difesa personale non è solo uno stimolo per rimanere in forma fisica, deve essere anche uno stimolo a modificare il proprio modo di fare, il proprio comportamento e la propria visione quotidiana.

Oggi come oggi, se realmente ti vuoi difendere da eventuali aggressioni, che non sono uno sport regolamentato dove ci sono delle regole, affronta l’apprendimento anche dal punto di vista personale, non solo tecnico. La tecnica “coreografica” non ti salva la vita, mentre la consapevolezza, la pronta reazione ed una azione “anticoreografica” molto probabilmente si.


 

Attraverseresti mai una strada ad alto scorrimento senza guardare a destra e a sinistra prima di farlo?
Probabilmente ridendo avrai risposto: Assolutamente no, non sono un pazzo/a.
La risposta sembra scontata, ma non lo è!
Riformulo la rilfessione in modo diverso.
Se tu fossi un bambino/a di 3 anni, la palla è andata in una strada ad alto scorrimento, attraverseresti la strada per recuperare la palla, senza guardare a destra e a sinistra?
Probabilmente qui la risposta non è così scontata, o peggio ancora, la risposta potrebbe addirittura essere SI.

Questo brevissimo esempio serve per farti comprendere che il nostro comportamento è influenzato dalla nostra conoscenza e dalla capacità di mettere in atto determinate azioni in base a ciò che ci capita attorno.

Per cui, non è sufficiente conoscere delle tecniche di difesa per sapersi difendere, è necessario avere la conoscenza di ciò che ci circonda e di ciò che potrebbe essere una minaccia.


IMPARA AD ANALIZZARE IL COMPORTAMENTO DELLE PERSONE

IMPARERAI A VEDERE CON OCCHI DIVERSI CIO’ CHE TI CIRCONDA


Commenti Terminati.